QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 9° 
Domani -0°7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
martedì 10 dicembre 2019

Attualità giovedì 24 ottobre 2019 ore 17:08

Alla scuola Centofiori la caldaia è da cambiare

La scuola Centofiori

L'amministrazione comunale ha previsto lavori d'urgenza per sostituire la centrale termica. Intervento per oltre 100mila euro



SANSEPOLCRO — Prenderanno il via la prossima settimana i lavori di efficientamento energetico, che si concentreranno sull'impianto di riscaldamento, alla scuola dell’infanzia Centofiori. Tale intervento si è reso necessario a seguito di un importante malfunzionamento che ha interessato il vecchio generatore di calore dell’edificio.

"La scuola, che ospita bambini nella fascia di età dai 2 ai 6 anni - hanno spiegato dal Comune -, fu costruita nel 1977 e successivamente ampliata nel 1991. L’intero plesso è stato quindi oggetto di un’importante ristrutturazione a norma di legge nel 2005. Questo nuovo intervento vedrà la sostituzione del generatore di calore con un sistema modulare composto da due caldaie del tipo murale a condensazione, oltre al rifacimento di tutte le linee di adduzione e distribuzione e alla sostituzione di tutti gli elementi terminali di climatizzazione".

La spesa complessiva delle opere ammonta a circa 110mila euro, di cui 19mila finanziati con fondi propri dell’amministrazione comunale e 90mila provenienti dai contributi statali.

“Si prevede di ultimare le opere nel periodo delle vacanze natalizie in modo da mettere in funzione il nuovo impianto durante il periodo di pausa dell'attività didattica senza arrecare fastidi all'utenza scolastica – ha spiegato Riccardo Marzi, assessore ai Lavori Pubblici – Dopo decine di anni, questa amministrazione è stata in grado di reperire risorse per un intervento sostanziale che ci permetterà di ammodernare uno dei plessi scolastici più importanti della nostra città.”



Tag

Manovra, Fico: "Tempi troppo stretti, non e' tollerabile"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità