QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 15°21° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
lunedì 20 agosto 2018

Politica venerdì 04 novembre 2016 ore 18:15

"Dov’è finita la grande riforma del personale?"

Palazzo delle Laudi

Il Pd biturgense attacca l'amministrazione comunale sulle scelte di gestione del personale



SANSEPOLCRO — "L’amministrazione Cornioli proroga i dirigenti del Comune, decisione in netto contrasto con la determinazione, la fretta e la rigidità dimostrata nel cancellarli dallo Statuto dell’Ente." A dirlo è il Partito Democratico di Sansepolcro che in una nota attacca l'amministrazione Cornioli.

"Nello scorso mese di settembre l’amministrazione ha inteso modificare lo Statuto del Comune in tutta fretta per eliminare il ruolo dei Dirigenti, giustificando tale manovra principalmente come politica di bilancio, di risparmio e preludio per una imminente e complessiva riforma del personale - dicono dal Pd - Valutavamo tale indirizzo come potenzialmente rischioso perché, tra l’altro, poteva ingessare la macchina comunale. In Consiglio ci battemmo per un ulteriore passaggio in commissione al fine di approfondire la materia ed evitare scelte superficiali, ma l’assessore Del Furia dimostrò grande rigidità nel rigettare tutte le proposte e la determinazione di non perdere neanche una settimana per l’improrogabile riforma del personale."

Secondo il Pd, " tutte le posizioni organizzative, compreso i Dirigenti, sono stati prorogati per la seconda volta e fino alla fine dell’anno. Allora ci chiediamo la ragione dell’urgenza di modificare lo Statuto, tale da non poterne discutere con un nuovo passaggio in commissione. Ci chiediamo inoltre se l’ulteriore proroga dei Dirigenti non manifesti sostanzialmente quanto paventavamo, ovvero il rischio di ingessare tutta la struttura tanto che per evitarlo e dare continuità ai servizi si decide per la seconda volta di prorogarli. Soprattutto, tali indecisioni evidenziano l’assenza di una progettualità complessiva e la confusione che pervade certi ambiti di questa amministrazione. Non si può oggi giustificare la seconda proroga dei Dirigenti sostenendo che siamo ancora in fase di avvicendamento politico-amministrativo, dopo che si è fatto tutto il possibile per silurarli e a settembre si è affermato che non si poteva aspettare neanche una settimana. Le idee non erano così chiare."



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca