QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 13°23° 
Domani 16°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
venerdì 27 maggio 2016

Attualità venerdì 26 febbraio 2016 ore 15:07

“Sulla sanità soltanto un'azione propagandistica"

I consiglieri comunali Marconcini e Moretti contro la maggioranza sul tema della difesa del distretto socio-sanitario della Valtiberina

SANSEPOLCRO — "Se davvero volete difendere l'autonomia del distretto valtiberino abbiate la coerenza di mettere in discussione l'intera riforma sanitaria regionale, altrimenti non siete credibili", con queste parole i consiglieri di minoranza Marconcini e Moretti attaccando la maggioranza Pd-Psi. 

"Nello scorso Consiglio Comunale i gruppi di maggioranza hanno presentato una mozione sulla tutela del Distretto Sanitario Valtiberino che è stata approvata anche con il nostro voto favorevole - scrivono i due consiglieri - Tuttavia, nonostante la condivisione della proposta, rimaniamo molto perplessi nel constatare un'assoluta incoerenza da parte della maggioranza che durante la discussione si è opposta ad un nostro emendamento che chiedeva di porre in essere tutti quegli strumenti volti a favorire la nuova campagna referendaria contro l'art. 34/bis della L.R.T. 40/2005, ovvero la legge che ad un livello più amplio è responsabile degli stessi principi di accentramento che sono stati denunciati dalla mozione. Ora, visto che la maggioranza non è mai intervenuta pubblicamente sull'argomento e che di fronte a certe iniziative gli stessi esponenti hanno sempre avuto un atteggiamento di incondizionata chiusura (arrivando anche a bocciare – compattamente – la mozione contro la ex-Legge 28/2015 che presentammo il 14 ottobre), la scelta di non appoggiare il nuovo referendum ci appare come la prova evidente che l'iniziativa promossa dalla maggioranza è più riconducibile ad una operazione propagandistica, che alla concreta volontà di volersi opporre alle scelte poco oculate della Regione. A nostro modo di vedere se si criticano le logiche di accentramento che sono alla base del riordino sanitario della nostra regione, si dovrebbe avere anche la coerenza ed il coraggio politico di opporsi a certi provvedimenti in maniera organica e complessiva. E invece, ancora una volta, la maggioranza non ha avuto il coraggio di schierarsi apertamente contro le decisioni maturate dai vertici del PD toscano, anteponendo le logiche di partito agli interessi del nostro territorio."

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Info Aziende

Attualità

Politica