QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 17° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
lunedì 20 maggio 2019

Cronaca giovedì 28 febbraio 2019 ore 17:00

Reflui smaltiti nel fosso, chiusa una cartiera

I Carabinieri hanno chiuso e posto sotto sequestro una fabbrica nella Valtiberina che sversato in un fossato reflui maleodoranti e di colore rosso



SANSEPOLCRO — Le prime segnalazioni di cittadini che parlavano dell'acqua di un fossato che puzzava e diventava di colore rosso sono arrivate alle forze dell'ordine un mese fa. Oggi è scattata la chiusura con sequestro di una cartiera che smaltiva illecitamente reflui maleodoranti e colorati. 

Le indagini sono iniziate con un primo sopralluogo nella zona che ha consentito ai carabinieri forestali di scoprire che l'inquinamento delle acque si generava proprio in corrispondenza dello stabilimento. Qualche giorno dopo, i militari hanno ispezionato la fabbrica insieme ai tecnici dell'Arpat, appurando che i reflui incriminati originavano proprio dall'impianto. La fabbrica è risultata priva anche dell'autorizzazione all'emissione idrica: quindi non solo smaltiva illecitamente i reflui ma non aveva mai posseduto l'autorizzazione unica ambientale necessaria per entrare in funzione. 

I carabinieri hanno così provveduto a chiuderla e a porla sotto sequestro. Nonostante i sigilli, il titolare ha subito ripreso l'attività e dunque dovrà rispondere non solo di gestione illecita di rifiuti speciali ma anche di violazione degli obblighi di custodia di un bene sequestrato.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità