QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 18°30° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
lunedì 29 agosto 2016

Attualità mercoledì 10 febbraio 2016 ore 17:57

Confcommercio chiede più controlli sulle sagre

Gli operatori della ristorazione di Confcommercio chiedono una task force per vigilare contro quella che definiscono come concorrenza sleale

SANSEPOLCRO — “Il fenomeno ha raggiunto dimensioni eccessive, è fuori controllo nel numero e nelle modalità e pone seri problemi in merito alla sicurezza e alla salute dei consumatori”, dicono insieme il presidente dell’Associazione Pizzerie Aretine Renato Pancini e il portavoce dei Ristoratori Federico Vestri.

“Chiediamo l’apertura di un tavolo interistituzionale a cui siedano insieme all’associazione di categoria i Comuni, le forze dell’ordine, la Asl, l’Ispettorato del Lavoro e gli altri organi competenti in materia”, continuano i due imprenditori di Confcommercio.

Confcommercio sottolinea il ruolo dei Comuni: “ai Comuni compete la funzione prima e principale di disciplinare il fenomeno delle sagre attraverso un apposito regolamento”, sottolinea Pancini, “basterebbe questo a ridimensionare le sagre almeno nel numero, salvando solo gli eventi che davvero rispettano tipicità e autenticità nella loro offerta gastronomica. Poi bisogna pensare al rispetto delle regole: sarebbe opportuno, per esempio, obbligare gli organizzatori delle sagre ad allegare alla Scia le certificazioni sulla regolarità degli impianti elettrici e del montaggio delle strutture, a garanzia di tutela dei consumatori. Purtroppo la facilità con cui oggi si possono fare le dichiarazioni di inizio attività ha incentivato l’improvvisazione e il pressappochismo”.

Sono molte ancora le perplessità sollevate da Confcommercio a proposito delle modalità di organizzazione delle sagre: “minorenni che servono ai tavoli bevande alcoliche, condizioni igieniche non sempre da manuale, cucine e impianti non sempre a norma, abbigliamento non adeguato, misure di sicurezza in certi casi addirittura inesistenti, per non parlare di certe zone d’ombra in campo fiscale e giuslavorativo. Ovvio che lavorare non rispettando le regole è più semplice e meno costoso, ma è illegale ed è concorrenza sleale. Deve valere il principio stesso mercato, stesse regole”.

“Esortiamo i Comuni a non approvare i nuovi calendari delle sagre senza aver prima modificato i regolamenti con l’inserimento di indicazioni precise e vincolanti sui menù, sulla tipicità delle pietanze offerte, sulla provenienza dei prodotti nonché sulle norme igienico-sanitarie da rispettare”, dice la vicedirettrice della Confcommercio aretina Catiuscia Fei. “Il nostro è un appello a tutte le forze politiche del territorio, affinché diano un segnale chiaro di rispetto e tutela agli imprenditori della ristorazione e ai tanti lavoratori del comparto”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cultura

Attualità

Attualità