comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:55 METEO:SANSEPOLCRO15°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
mercoledì 28 ottobre 2020
corriere tv
Piazze in fiamme in Italia: guerriglia da Nord a Sud contro il Dpcm

Sport venerdì 16 ottobre 2020 ore 11:13

Vivaio in filo diretto col calcio professionistico

La squadra del Borgo, fucina di giocatori di "razza" e fuoriclasse, in contatto diretto con alcune delle realtà più importanti del centro Italia



SANSEPOLCRO — Il vivaio del Sansepolcro è in filo diretto con il calcio professionistico. Tutto ciò consente un percorso di avanzamento strutturato e un rapporto di stretta collaborazione con le realtà professionistiche del centro Italia: così la società del Borgo tira su i suoi giovani talenti.

Non è un caso che una grande fetta dei più cristallini talenti provenienti dal nostro territorio sia cresciuta nel settore giovanile bianconero, dove fin dai primissimi calci l’obiettivo è quello di valorizzare tutte le diverse qualità dell’atleta, in piena sintonia con la filosofia “alleniamo giocatori, cresciamo uomini”. Un lavoro certamente dispendioso, ma che negli anni ha prodotti risultati importanti in primis per la prima squadra, dove in questa stagione vengono regolarmente impiegati alcuni ‘canterani’ da poco o non ancora maggiorenni come Riccardo Brizzi (2003), Mattia Carbonaro (2002), Cesare Guerri (2003), Filippo Romoli (2002). Tutti ragazzi che assieme alle proprie capacità sportive hanno saputo abbinare attaccamento, senso di responsabilità e voglia di crescere sotto la guida di mister Davide Mezzanotti, tra le figure simbolo del calcio in Valtiberina.

Ma affinché gli aspiranti calciatori possano realmente aspirare a palcoscenici importanti, è altrettanto fondamentale che una società sia in grado di costruire e coltivare rapporti di stretta collaborazione con gli ambienti e le figure di riferimento delle scuole calcio più blasonate. Anche in questo caso il Sansepolcro può vantare un rapporto privilegiato con alcune delle principali realtà professionistiche del centro Italia.

Tra queste vi è il Gubbio, dove quest’anno militano ben tre prodotti del vivaio bianconero: sono Gabriel Barculli (2006, Giovanissimi nazionali, Antonio Simeone e Mattia Tresa (entrambi 2004, Allievi nazionali). Sempre tra le società di LegaPro, nonostante i recenti cambiamenti al vertice, continua il rapporto di collaborazione con il settore giovanile dell’Arezzo, già trampolino di lancio per alcuni promettenti talenti del Borgo come il nostro Lorenzo Burzigotti, dove attualmente gioca il classe 2006 Tommaso Pettinari (Giovanissimi nazionali). Tre ragazzi bianconeri anche per il settore giovanile del Perugia, che nella stagione 2020-21 potrà contare su Alessandro Gennaioli (2005, Allievi nazionali) e su Matteo e Lorenzo Testerini (rispettivamente 2007 Giovanissimi nazionali e 2004 Allievi nazionali).

Scalando le categorie, infine, possiamo trovare anche due promettenti fuoriclasse che dalla scuola calcio bianconera sono riusciti a raggiungere i più alti livelli del calcio italiano. Sono il classe 1999 Camillo Tavernelli, attaccante della prima squadra del Cittadella in Serie B, e il 2004 Niccolò Falconi, oggi in forza agli Allievi nazionali della Fiorentina.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità