comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 12°22° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
giovedì 28 maggio 2020
corriere tv
Coronavirus, Crisanti: «L'app Immuni ci farà buttare una montagna di soldi»

Attualità martedì 19 maggio 2020 ore 10:23

Cgil, medicina a distanza e riorganizzazione Rsa

I sindacati sottolineano la necessità di potenziare i servizi forniti da medici e infermieri telefonicamente anche dopo l'emergenza sanitaria



AREZZO — L'emergenza Covid ha fatto emergere debolezze nel sistema sanitario che devono assolutamente essere risolte. Questo l'obiettivo di Cgil. L'esperienza maturata in questa pandemia ha lasciato anche elementi positivi che devono essere sfruttati a vantaggio della comunità e come bagaglio per il futuro. La crisi sanitaria ha dimostrato che il sistema assistenziale può essere potenziato grazie alla telemedicina che, secondo i rappresentanti di Cgil, deve essere mantenuta anche per l'avvenire.

“I medici e i pediatri di famiglia – sottolinea Maddalena Senesi, della segreteria provinciale Spi Cgil– possono sviluppare le opportunità che la tecnologia mette a disposizione. Quindi telemedicina per i medici e telemonitoraggio per gli infermieri. Questo modo di lavoro può e deve proseguire dopo l’emergenza Covid perché rappresenta una valida integrazione del rapporto tra medici e pazienti e favorisce l’ulteriore integrazione ospedale – territorio. Non solo: la telemedicina consente di mantenere in sicurezza al proprio domicilio la persona fragile riducendo l'accesso a livelli di cura residenziali e ospedalieri”.

Altro punto drammatico da rivedere è quello delle Rsa rivelatesi l'anello più debole della catena assistenziale

"La crisi Covid ha evidenziato l'esigenza di potenziare l’assistenza domiciliare anche con l’attivazione di servizio infermieristico 24 ore su 24. Una figura professionale importante, chiamata a lavorare in collaborazione con i medici USCA nel diurno e con i Medici della Continuità Assistenziale nel notturno. Senza dimenticare la presa in carico dei pazienti complessi anche attraverso la centrale della cronicità all'interno della quale è prevista la presenza di un infermiere esperto di assistenza territoriale”. Conclude la Senesi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità