comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:SANSEPOLCRO9°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
martedì 01 dicembre 2020
corriere tv
La lezione di Burioni sull'immunità di gregge: «Vaccinarsi è un gesto di responsabilità civile, la libertà è un'altra cosa»

Sport sabato 24 ottobre 2020 ore 12:00

Tutta la Serie C visibile in chiaro

Decisione presa per i continui disservizi di Elevensport, che hanno impedito ai tifosi di vedere le partite e tolgono visibilità agli sponsor



FIRENZE — Da oggi tutte le partite della Serie C saranno visibili in chiaro sul canale YouTube, sulla pagina Facebook, sul sito internet di Eleven Sports e su Live Now. Una decisione presa dalla Lega Pro a causa dei tanti e ripetuti disservizi del canale tematico, che ha accusato continui attacchi informatici alla piattaforma su cui venivano trasmesse, finora a pagamento, le dirette delle gare.

“La situazione è molto complessa e Eleven Sports sta lavorando intensamente a una soluzione - ha dichiarato il presidente della Lega Francesco Ghirelli - nel frattempo, è fondamentale garantire che le partite siano regolarmente trasmesse, per questo, fino a quando la questione non sarà risolta, sarà possibile vedere le partite in chiaro”.

Problemi verificatisi anche durante la trasmissione delle partite degli amaranto, con i tifosi arrabbiati e sul piede di guerra contro Elevensports. La scorsa settimana è stata tentata anche la strada di un nuovo canale tematico che trasmettesse le partite, ma il problema è più grave e da risolvere alla radice. E subito. "Lo dobbiamo ai tifosi che amano il calcio della Serie C, agli sponsor ai quali dobbiamo assicurare adeguata visibilità, ai presidenti dei club per lenire le enormi difficoltà derivanti dalla pandemia”, sono queste le motivazioni dichiarate da Ghirelli nel comunicare la novità.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS