comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:SANSEPOLCRO7°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
venerdì 04 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Conte: «Da subito attivo il piano ‘Italia cashless' per gli acquisti con carte, ma non online»

Sport giovedì 05 novembre 2020 ore 13:44

Troppi positivi, Mantova-Arezzo rinviata

Ufficializzato lo spostamento della gara, l'Arezzo non ha a disposizione il numero minimo di giocatori. A rischio anche la partita interna con la Sambenedettese



AREZZO — Mantova-Arezzo è stata definitivamente rinviata a data da destinarsi. A sancire lo slittamento della partita è stata la Lega Pro, che ha preso atto dell'istanza presentata dall'Arezzo ai sensi del regolamento in vigore, nello specifico ai protocolli per la disputa delle gare nel corso dell'emergenza Covid-19. Come documentato dalla società, al momento non sono disponibili 13 calciatori, fra i quali deve esserci almeno un portiere di ruolo, numero minimo al di sotto del quale si può chiedere il rinvio delle partite. Il comunicato ufficiale emanato ieri da viale Gramsci infatti, indicava come fossero al momento risultati positivi al coronavirus 14 calciatori e 4 appartenenti allo staff.

La disposizione emanata stamani da Firenze evita all'Arezzo di dover sfruttare quell'unico jolly a disposizione per tutta la stagione, che permette ad una società di rinviare senza sanzioni una gara anche se il numero dei tesserati disponibili sarebbe tecnicamente sufficiente. Non è ancora stato definito cosa avverrà invece la settimana prossima. Gli amaranto infatti, secondo il calendario ufficiale, dovrebbero scendere in campo a questo punto mercoledì 11 fra le mura amiche per affrontare la Sambenedettese, per poi far visita alla Fermana domenica 15. Pare molto difficile che i tre giorni in più possano permettere lo svolgimento regolare della gara casalinga, mentre restano più possibilità per la partita prevista a Fermo. Saranno però i prossimi cicli di tamponi a rendere più chiara la situazione e i possibili sviluppi della vicenda, sperando che nel clan amaranto ci sia una rapida ripresa da parte di tutti e che si possa tornare quanto prima alla normale attività.

Giulio Cirinei
© Riproduzione riservata



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

CORONAVIRUS