comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:26 METEO:SANSEPOLCRO15°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
mercoledì 28 ottobre 2020

DUE CHIACCHIERE IN CUCINA — il Blog di Sabrina Rossello

Sabrina Rossello

Due nomi due terre d’origine: la Toscana dove sono nata e cresciuta e la Sicilia da dove è partita la mia famiglia e di cui ho respirato tutte le molecole! Due mondi culinari diversi ma entrambe ricchi di sapori colori e cultura! È multipla anche la mia formazione: diplomata geometra, poi Architettura, a 40 anni per passione iscritta a Biologia e nel frattempo corsi di cucina, di wedding e tanta, tanta pratica come personal chef ed oggi sono esperta di cucina gluten free e di cucina salutare sulla basi scientifiche della dieta mediterranea. Nel 2015, ho inaugurato la mia scuola di cucina e di educazione alimentare. Ho scritto 2 libri: “Ti cucino una Storia” e “A tavola con noi – ricette gustose per umani e per cani” ed ho partecipato alla “Prova del cuoco” su Rai 1 e più volte ospite a “Tadà” su RTV38

Galeotte le giuggiole !

di Sabrina Rossello - mercoledì 14 ottobre 2020 ore 07:30

Nel mio giardino ho piantato un albero di “giuggiole giganti” e da un paio di anni ne regala copiose.

Il mio giuggiolo oltre ad essere generoso è molto bello anche a vedersi e sicuramente “invoglia” a prendere i suoi frutti.

Proprio un paio di giorni fa, un gruppetto di ragazzini, figli di alcuni vicini di casa, passando davanti al mio giardino si sono fermati davanti all’albero (dovete sapere che la finestra della mia cucina è proprio prospiciente al giardino, per cui si vede, anche non volendo, proprio tutto!) dunque stavo dicendo che questi ragazzini si sono fatti tentare dalle mie giuggiole.

Il più agile di loro, si è allora offerto di arrampicarsi sulla ringhiera di recinzione, appendersi ad un ramo, tirarlo verso di lui – in bilico- e “rubare” le giuggiole.

Vi confesso che mentre divertita osservavo la scena, il diavoletto sulla mia spalla sinistra mi ha fatto aprire la finestra e cogliere in fragrante reato, con le mani nel sacco, il furbetto di questa generazione

Io trionfante:- “ Se vuoi le giuggiole, dimmelo, te le darò, ma non mi “sbarbare” l’albero!”

Lui, nell’ imbarazzo generale: - “ Signora io io… non volevo…”

Mi sono proprio sentita in colpa… ho ricordato di quando anchi’io, da ragazzina, abitando a quei tempi ai margini del paese, un po' in campagna, andavo a rubare le giuggiole (perché diciamolo sono le giuggiole che sono nate apposta per farsi rubare!) mi sono proprio detta tra me e me:- “Sabrina stai invecchiando!”

Insomma ho preso un sacchettino e l’ho dato al ragazzino che ha raccolto le giuggiole per se e per i suoi compagni.

lo so, non ha lo stesso sapore che rubarle, ma… la prossima volta starò nascosta dietro la finestra e non mi farò vedere.

Con le giuggiole comunque ho fatto la confettura, che è venuta proprio buona!

Ingredienti:

  •   500 gr di giuggiole snocciolate
  • 30 gr di succo di limone
  • 50 gr di zucchero
  • Un bicchierino di vin santo dolce

Per la ricetta completa clicca qui

Sabrina Rossello

Articoli dal Blog “Due chiacchiere in cucina” di Sabrina Rossello

 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Sport