Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:SANSEPOLCRO14°20°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo messaggio del rapper russo Walkie prima del suicidio: «Non sono pronto a uccidere»

Attualità venerdì 23 settembre 2022 ore 20:50

Persi 600 ettari di tabacco e aziende a rischio

Distrutti dal maltempo dello scorso 18 agosto. Molti i lavoratori rimasti inoccupati. Appello a trovare delle soluzioni



ANGHIARI — E’ passato circa un mese dal forte maltempo che lo scorso 18 agosto ha colpito la Valtiberina, provocando ingenti danni alle case, alle persone, ma anche all’economia locale, in particolare quella legata alla produzione del tabacco Kentucky per il sigaro toscano, di cui il comune di Anghiari è il primo produttore in Italia.

“L’agricoltura è la prima voce dell’economia anghiarese – ha dichiarato la capogruppo di maggioranza Roberta Giorni – i danni sono stati così estesi che le compagnie di assicurazione non hanno ancora concluso il loro lavoro, ma l’entità appare in tutta la sua gravità. Nei comuni di Anghiari, Sansepolcro e Monterchi vengono coltivati circa 800 ettari di Kentucky da almeno 120 aziende (consideriamo che a livello nazionale si contano circa 1500 ettari e 300 aziende). Di questi, i 600 ettari coltivati nei comuni di Anghiari e Sansepolcro sono andati quasi completamente distrutti. Solo il comune di Monterchi si è salvato dalla distruzione, pur avendo subito una grandinata nel mese di luglio. Essendo il tabacco una coltura “assicurabile”, non può usufruire dell’eventuale riconoscimento di calamità naturale che la Regione Toscana ha richiesto al Ministero: chi è assicurato riceverà il risarcimento a fine anno e chi non lo è non percepirà nulla”

Negli ultimi anni il premio che un tabacchicoltore deve pagare alla compagnia di assicurazione è lievitato in modo esponenziale e oggi arriva fino a oltre il 20% del valore assicurato al lordo del contributo comunitario e per effetto dell’evento di quest’anno le condizioni assicurative potrebbero peggiorare. Questo si aggiunge al forte aumento dei costi di produzione dell’ultimo anno.

“Quanto accaduto, generando un minore ricavo per l’azienda, si ripercuote inevitabilmente e in modo pesante sull’economia della nostra zona, anche per effetto dei mancati acconti di agosto e settembre pagati dalle ditte manifatturiere ai coltivatori sul prodotto in fase di raccolta – ha aggiunto Giorni - attualmente le aziende agricole si trovano ad affrontare dei problemi di difficile soluzione, primo fra tutti quello della manodopera, che si era manifestato già l’anno scorso. Ma quest’anno la situazione è precipitata: gli agricoltori che avevano fatto richiesta di lavoratori non comunitari per il 2022 attraverso il Decreto flussi hanno visto accolte le loro richieste solo per il 23%. Inoltre le aziende che hanno già dipendenti formati ed esperti, anche da molti anni, per effetto di questa calamità rischiano di perderli. Questi lavoratori si sono trovati, dall’oggi al domani, senza più lavoro e hanno dovuto cercarne un altro”.

La calamità del 18 agosto ha quindi aggravato una situazione già difficile e ci dobbiamo impegnare a trovare delle soluzioni: non possiamo rischiare di perdere delle aziende che, nella produzione del tabacco per il sigaro toscano, rappresentano un’eccellenza italiana conosciuta in tutto il mondo, con un gravissimo danno per l’economia della nostra vallata.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due giorni di "memoria attiva" per non dimenticare il campo di internamento Fascista e Badogliano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità