QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SANSEPOLCRO
Oggi 14° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
venerdì 22 novembre 2019

Cronaca mercoledì 21 agosto 2019 ore 16:40

Primi funghi nel bosco, famiglia intossicata

In sei si sono presentati all'ospedale dopo aver consumato i funghi trovati nel bosco. Fioritura già abbondante nelle foreste toscane



SANSEPOLCRO — I funghi ci sono già nei boschi toscani e con essi arrivano i primi casi di intossicazione dovuta al loro consumo. E' successo a Sansepolcro dove una famiglia di sei persone, tutti adulti, si è presentata in pronto soccorso: dalle foto presentate al micologo e dai loro racconti, è venuto fuori che tutti si erano intossicati a causa della quantità eccessiva di funghi mangiati nei giorni precedenti. 

In una nota la Asl fa presente che anche il genere 'boletus' e altri funghi commestibili possono essere tossici se consumati in stato di decomposizione, invasi da muffe o da larve di mosche. Stessa cosa per l'amanita caesarea, l'ovulo, che non deve essere raccolto quando è ancora allo stato chiuso. Due le ragioni. Una è di natura ecologica in quanto il fungo, in quello stato, non ha ancora avuto modo di diffondere le spore attraverso le quali si riproduce. L'altra è di natura tossicologica: ci sono altri funghi, tossici come la temuta amanita phalloides, che si trovano chiusi allo stesso modo e che possono essere molto pericolosi. Settanta grammi di amanita phalloides bastano a uccidere una persona. 

Proprio per l'abbondante fioritura che già a fine agosto si registra, favorita dalle condizioni meteo delle scorse settimane, sono già stati aperti nell'area aretina, quella della Asl Toscana sud est, gli sportelli dell'ispettorato micologico a cui rivolgersi per valutare e riconoscere le specie fungine. 



Tag

Manovra, Salvini: «Totale instabilità, pesa più delle tasse»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità