comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:20 METEO:SANSEPOLCRO16°  QuiNews.net
Qui News valtiberina, Cronaca, Sport, Notizie Locali valtiberina
giovedì 22 ottobre 2020
corriere tv
Conte: «Ai cittadini dobbiamo chiedere ancora sacrifici e rinunce»

Attualità giovedì 17 settembre 2020 ore 18:50

Città e Diocesi, giorno di festa al Borgo

Importante ricorrenza tra sacro e profano. Santa Messa questa mattina, consiglio comunale nel pomeriggio



SANSEPOLCRO — Una giornata speciale per Sansepolcro. Oggi si celebrano infatti i 500 anni dell'istituzione della Diocesi al Borgo e della sua nomina a "Città".

Una ricorrenza che, nonostante il Covid, non poteva passare sotto silenzio e senza iniziative.

Le celebrazioni sono cominciate questa mattina alle 10,30 con la Santa Messa nella Concattedrale, officiata dall'Arcivescovo Riccardo Fontana. Poi, nel pomeriggio, alle 17, si è insediato il comitato organizzatore delle iniziative che riguardano il Cinquecentenario, e che per motivi di Covid sono state rinviate.

Alla riunione hanno partecipato i sindaci Cornioli (Sansepolcro) e Dori (Sestino), l'assessore Marconcini, Mario Scarscelli in rappresentanza di Tofanelli (assessore Città di Castello), Don Andrea Czortek (Archivio Diocesano di Citta' di Castello), Fazio Perla (associazione storica Alta Valle del Tevere), Matteo Martelli (Centro studi Mario Pancrazi) e Maria Cristina Giambagli (Comune Sansepolcro). Saranno loro a stilare un programma di iniziative che non sia puramente "celebrativo".

Quindi, alle 18 si è riunito il Consiglio comunale straordinario che, trasmesso in streaming sul sito del Comune, ha celebrato la ricorrenza con la relazione storica di Don Andrea Czortek. 

Ecco la nota diffusa dall'amministrazione comunale per celebrare questa giornata:

“Questa ricorrenza ci permette di riportare l’attenzione su un aspetto molto importante della nostra storia e su quel percorso che ha portato all’istituzione di una diocesi autonoma a Sansepolcro. L’evento, insieme a tutto il lungo cammino che lo ha generato, riveste ancora oggi un grande significato in quanto al tempo, nel 1500, essere sede di Diocesi era una condizione necessaria per essere riconosciuti come una vera e propria città. In un contesto storico e culturale in cui la sfera religiosa dialogava funzionalmente con quella politica e sociale, una Diocesi sopperiva anche a funzioni amministrative, oltre che religiose. Questa istituzione, quindi, riusciva a rafforzare ed estendere il controllo del centro urbano principale sul resto del circondario. La Diocesi di Sansepolcro aveva un vasto raggio d’azione, che permetteva a territori anche piuttosto lontani di sviluppare una fitta rete di relazioni: questa conformazione, accentrando nella nostra città nuove funzioni religiose e politiche, ci consentì dunque di passare da “terra”, da borgo a “città”. Ciò sanciva l’importanza del nostro territorio, della nostra città, aumentando il prestigio di un luogo che dal quel momento in poi, finalmente, poteva essere equiparato agli altri centri della Toscana e dell’Italia centrale.

Non fu facile raggiungere questo traguardo, ma grazie alla tenacia e all’impegno di tutti, 500 anni fa – grazie anche al supporto di un papa mediceo (Leone X dei Medici) – la nostra comunità, unita e coesa, riuscì in questa impresa: alla luce di tutto ciò, oggi non possiamo far altro che vivere questo momento con entusiasmo, orgoglio e consapevolezza. Questa occasione ci permette, inoltre, di riflettere su cosa voglia dire essere cittadini: su questo stiamo lavorando da mesi con le scuole per far sì che la cittadinanza non sia concepita solo come il semplice riconoscimento dei diritti e dei doveri di una persona, ma che questa possa contribuire a legare le tante singole azioni individuali a quelle collettive della comunità di riferimento, attraverso l’esercizio attivo dei diritti e dei doveri.

Dobbiamo mobilitarci tutti, quindi, per fare in modo che questo momento possa stimolare i cittadini a porsi in maniera attiva all’interno della comunità. Allo stesso tempo, con rinnovata consapevolezza dovremmo applicarci per valorizzare pienamente il nostro patrimonio storico e culturale su cui si forgia la nostra identità; un’identità che testimonia una storia straordinariamente ricca dalla quale dobbiamo ricavare la forza e l’energia per costruire un futuro che possa essere migliore di questo presente. Infine, nel celebrare questo momento non possiamo non riflettere anche su un altro punto, piuttosto rilevante, che ha una forte valenza politica: la nascita della Diocesi di Sansepolcro ha mutato definitivamente gli assetti dell’Alta Valle del Tevere, dividendo definitivamente il destino della Valtiberina toscana dall’Alto-Tevere umbro. In una ricorrenza come quella di oggi risulta pertanto doveroso soffermarsi anche su questo aspetto, in maniera tale che si possa capire se, da un punto di vista politico e amministrativo, possiamo recuperare una maggiore collaborazione sinergica tra due territori che da secoli subiscono una statica divisione amministrativa. Buon Cinquecentenario a tutti”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Sport

Sport